L’esperienza dei "Centri Accoglienza" per i tossicodipendenti i Somaschi la cominciano nel 1978 a Cavaione di Truccazzano (MI). Da allora la realtà è cresciuta e si è diffusa. Dopo più di 20 anni i centri sono diventati 14, aprendosi oltre che al mondo della tossicodipendenza anche a quello della prostituzione e dei minori a rischio. Vi lavorano in stretta collaborazione religiosi somaschi, religiose e laici.

La RupeI Centri Accoglienza sono Comunità Psicoergoterapeutiche Residenziali per Tossicodipendenti e hanno lo scopo di svolgere attività di prevenzione, recupero e reinserimento a favore di soggetti tossicodipendenti di entrambi i sessi.

Il programma terapeutico è personalizzato e per la sua realizzazione si avvale di strumenti quali la vita in comune, l'adesione alle regole, il colloquio personale, la terapia di gruppo, il lavoro manuale.

Questo programma è gestito da una équipe fissa di operatori di ogni Centro, coadiuvati da esperti esterni.

 


lavoro a La RupeNon è assolutamente previsto l'uso di sostanze farmacologiche, né l'impiego di forme di intervento coattivo, tali da ledere l'autodeterminazione dei giovani tossicodipendenti.

L'ammissione in Comunità deve avvenire su richiesta del soggetto, dopo una serie di colloqui preliminari con cui si accerta la reale volontà di inserimento in Comunità e di aderire al suo stile di vita.

La "Cascina Martello" di BriagliaL'ammissione in Comunità Terapeutica avviene in accordo con le strutture pubbliche (SER.T) competenti per residenza di ogni singolo soggetto, con cui si verifica la compatibilità tra i bisogni del giovane ed il nostro programma terapeutico.

Il programma terapeutico ha una durata media di due anni, durante i quali è comunque garantita la libertà del giovane di abbandonare la struttura.

 


La RupePer salvaguardare la famiglia e della maternità è previsto nei Centri femminili l'inserimento di eventuali figli delle giovani tossicodipendenti.

Terminato positivamente il programma, al momento dei reinserimento, la Comunità, in collaborazione con le strutture del territorio, si impegna a seguire il giovane per facilitare il processo di reintegrazione sociale.

 


 

TitRecapiti.gif (3651 byte)dove siamo

sito ufficiale: space.tin.it/salute/cbignami/

 

Centro accoglienza Cavaione
Via A.Manzoni, 1

20060 Cavaione di Truccazzano (Milano)
Tel. 0295.83.005 - fax 0295.369.912
 
Centro accoglienza Istituto san Girolamo

Via Monte Grappa, 1

22038 Ponzate di Tavernerio (Como)
Tel. 031.420.318 - 03142.00.80 - fax 031.426.864

Centro accoglienza Cascina Mazzucchelli
Loc. "La Sabbiona"
20070 San Zenone al Lambro (Milano)
Tel. 0298.870.392 - fax 0298.870.377 - camazzu@snet.it
Tel. Tipo. "La Sabbiona" 0298.74.49
somaschiszenone@snet.it


Centro accoglienza La Rupe (maschile)
Via Rupe, 9
40037 Sasso Marconi (Bologna)
Tel. 05184.12.06 - fax 05167.50.400
rupemasc@tin.it


Centro accoglienza Buon Pastore (femminile)
Via Don Carlo Valdameri
26010 Zappello Fraz. Ripalta Cremasca (CR)
Tel. 0373.26.82.20  Fax 0373.26.82.23

Centro accoglienza La Rupe (femminile)
Via san Vittore, 22
40136 Bologna
Tel. 05158.10.09 - fax 051.585.849
rupefemm@tin.it


Centro osservazione L'arione
Via Crocetta, 18
44011 Argenta (Ferrara)
Tel. e fax 0532.852.376 - fax 0532.318.404

Centro accoglienza Cascina Martello
Via Tetti Ellero, 26
12080 Briaglia (Cuneo)
Tel. 0174.552.143 - fax 0174.440.54
cascina.martello@isiline.it

Centro accoglienza Cascina Piana
Località Piana, 1
17017 Millesimo (Savona)
Tel. 019.565.797 - fax 019.565.954

Centro accoglienza Buon Pastore (femminile)
Via S. Francesco, 16
17017 Varazze (Savona)
Tel. 019.96.720  Fax 019.93.19.78

Centro accoglienza L'Ulivo
Contrada Crisosa, snc
87020 Tortora (Cosenza)
Tel. 0985.764.079 - fax 0985.764.438 -
l_ulivo@labnet.it